b/View

L’innovazione, giorno dopo giorno

L’innovazione è un valore centrale per Prisma. La società che rappresento sta estendendo il suo campo di attività ai comparti più innovativi dell’Information technology − dal geomarketing alla cybersecurity, dai big data al machine learning − nella certezza che è in tali direzioni che risiede una concreta opportunità di ulteriore crescita.

Dopo la costituzione della divisione Ricerca&Sviluppo, dove svolgono la loro attività ricercatori caratterizzati da un solido background professionale e accademico, Prisma è quindi lieta di annunciare la creazione di una nuova iniziativa editoriale, b/View.

E poiché, come ha dichiarato Sergey Brin, uno dei fondatori di Google, in un’intervista al Guardian, «qualsiasi conversazione che ho sull’innovazione inizia con l’obiettivo finale», chiariamo anche noi qual è lo scopo della nostra iniziativa.

Con b/View la divisione Ricerca&Sviluppo svolgerà un’ampia riflessione sull’evoluzione del mercato, allo scopo di individuare nuovi indirizzi strategici, nonché promuovere un ciclo virtuoso di aggiornamento permanente, volto alla definizione concettuale, alla pianificazione e al monitoraggio di nuovi prodotti, processi e servizi.

Curatore dei contenuti di b/View è Alessandro Polli, docente di statistica economica, econometria e analisi delle serie storiche economiche all’Università La Sapienza di Roma, advisor di Prisma e attento osservatore dell’innovazione digitale, che sono onorato di ospitare su queste pagine.

Attraverso b/View, Prisma intende partecipare con interventi qualificati al dibattito sul futuro dell’information technology, oggi confinato in ambiti accademici e giornalistici, per ricondurlo nel suo alveo naturale, il mondo della produzione, dove non soltanto si parla di innovazione, ma la si fa, giorno dopo giorno.

Salvatore Ribaudo

CEO, Prisma

Scenari. Chatbot: da «next big thing» a flop

L’automazione svolge un ruolo centrale da oltre mezzo secolo, ma solo di recente ha iniziato a manifestare la sua vera natura di “distruzione creativa” à la Schumpeter. Non a caso, l’attuale fase di automazione inizia ad esercitare spinte distruttive sulle tradizionali forme di organizzazione della produzione in molti comparti.

leggi tutto

Cybersecurity. Arriva il decreto Gentiloni

Più compiti e poteri al Dis (Dipartimento delle informazioni per la Sicurezza) nel settore della cyber security, è la principale novità del decreto firmato ieri dal presidente del Consiglio. Il nuovo programma nazionale per la cybersecurity è stato approvato lo scorso...

leggi tutto

Reti neurali. Il progetto Phasebook

Due ricercatori del Perimeter Institute hanno dimostrato come un algoritmo di apprendimento automatico comunemente utilizzato per i riconoscimenti facciali consente di risolvere un complesso problema di fisica della materia, il problema della transizione di fase.    ...

leggi tutto

Gli italiani e il web: nessuna consapevolezza dei rischi

Secondo una ricerca condotta da IPSOS per Save the Children, gli italiani conducono una vita sempre più social e sono sempre più connessi tramite smartphone (usato dal 97% dei teen ager e dal 95% degli adulti), ma accedono al web senza alcuna consapevolezza sui rischi legati alla gestione della propria identità online e quelli legati alla cyber security.

leggi tutto

Le frontiere del machine learning

Le nuove reti neurali, caratterizzate da architetture multilivello, e le nuove metodologie per il loro apprendimento stanno rapidamente rivoluzionando diversi settori, quali il management aziendale, le scienze sociali, la fisica e la biologia

leggi tutto

Walmart apre ai big data

Walmart – il colosso statunitense della GDO, presente in 28 Paesi con 20 mila punti vendita – sta per inaugurare il più grande cloud privato al mondo, in grado di processare 2,8 petabyte l’ora

leggi tutto

L’innovazione, giorno dopo giorno

L’innovazione è un valore centrale per Prisma. La società che rappresento sta estendendo il suo campo di attività ai comparti più innovativi dell’Information technology − dal geomarketing alla cybersecurity, dai big data al machine learning − nella certezza che è in tali direzioni che risiede una concreta opportunità di ulteriore crescita.

Dopo la costituzione della divisione Ricerca&Sviluppo, dove svolgono la loro attività ricercatori caratterizzati da un solido background professionale e accademico, Prisma è quindi lieta di annunciare la creazione di una nuova iniziativa editoriale, b/View.

E poiché, come ha dichiarato Sergey Brin, uno dei fondatori di Google, in un’intervista al Guardian, «qualsiasi conversazione che ho sull’innovazione inizia con l’obiettivo finale», chiariamo anche noi qual è lo scopo della nostra iniziativa.

Con b/View la divisione Ricerca&Sviluppo svolgerà un’ampia riflessione sull’evoluzione del mercato, allo scopo di individuare nuovi indirizzi strategici, nonché promuovere un ciclo virtuoso di aggiornamento permanente, volto alla definizione concettuale, alla pianificazione e al monitoraggio di nuovi prodotti, processi e servizi.

Curatore dei contenuti di b/View è Alessandro Polli, docente di statistica economica, econometria e analisi delle serie storiche economiche all’Università La Sapienza di Roma, advisor di Prisma e attento osservatore dell’innovazione digitale, che sono onorato di ospitare su queste pagine.

Attraverso b/View, Prisma intende partecipare con interventi qualificati al dibattito sul futuro dell’information technology, oggi confinato in ambiti accademici e giornalistici, per ricondurlo nel suo alveo naturale, il mondo della produzione, dove non soltanto si parla di innovazione, ma la si fa, giorno dopo giorno.

Salvatore Ribaudo

CEO, Prisma